SololAserieA - SOLO LA SERIE A

Vai ai contenuti
Hai perso i dati? Affidati ad Informatica Nuscana
Affida a Ontrack il tuo recupero dati
Hai perso i dati? Affidati ad Informatica Nuscana
Affida a Ontrack il tuo recupero dati
NOTIZIE AZZURRE
INTERVISTE AZZURRE
ASSISTENZA E VENDITA PC
ASSISTENZA E VENDITA PC ASSEMBLATI
ASSISTENZA E VENDITA PC
RECUPERO E CANCELLAZIONE DATI
VENDITA KIT VIDEOSORVEGLIANZA
SICUREZZA INFORMATICA
IL CALENDARIO SERIE A TIM 2019/2020
LA CLASSIFICA DI SERIE A TIM 2019/2020
KASPERSKY 2019
KASPERSKY 2019
KASPERSKY 2019
DANEA EASYFATT
PRODOTTI MICROSOFT
DANEA EASYFATT
I MARCATORI AZZURRI 2019/2020
I PREZZI DELLE PARTITE
CLASSIFICA E RISULTATI SERIE A
I TABELLINI AZZURRI
TWITTER SSCNAPOLI
TUTTI I VIDEO DEL NAPOLI
NOTIZIE AZZURRE

7 DICEMBRE 2019

Disastro Ancelotti, eguagliato il record negativo di punti in Serie A alla 15° giornata
Settima partita di fila in campionato senza vittorie per il Napoli. Continua la crisi nera della squadra di Carlo Ancelotti. L'1-1 della Dacia Arena ha fatto vedere solo una timidissima reazione della squadra soprattutto nel finale del secondo tempo, ma per il resto della gara si è vista la solita squadra svogliata, senza mordente e soprattutto senza la minima idea di cosa stesse facendo in campo.

Con il pareggio di questa sera, il Napoli ha totalizzato 21 punti in 15 giornate, eguagliando il record negativo del Napoli 2007-2008 al primo anno in Serie A di De Laurentiis quando la squadra allenata da Edy Reja totalizzò anche in quell'occasione 21 punti in 15 giornate, ma si trattava di una rosa appena salita nella massima serie in quel caso, che aveva ben altri giocatori tra le sue fila. Fino ad ora il rendimento della squadra è inferiore anche a quello del Napoli 2009-2010 dove De Laurentiis esonerò Donadoni per far subentrare Mazzarri, dove il Napoli alla 15° giornata aveva già totalizzato 23 punti.
CALCIONAPOLI24

Adani spiazza tutti: "La più grande delusione del Napoli ha un nome e cognome"
L'ex calciatore che oggi è opinionista di Sky, ha bacchettato il capitano del Napoli: "Se viene sostituito, vuol dire che non si fanno prigionieri".
Daniele Adani, ex calciatore oggi opinionista di Sky Sport, ha rilasciato alcune dichiarazioni al termine della gara tra Udinese e Napoli finita 1-1. Ecco alcuni passaggi: “La reazione dei partenopei nel secondo tempo è importante, soprattutto perchè si è vista la ricerca del gioco e qualche cambiamento tattico. Non è così tanto qualitativa la proposta di gioco, ma almeno la reazione nel finale per la testa è importante. Il risultato certamente non aiuta, non è positivo e non migliorerà l’umore, specie per qualche errore di troppo commesso".

Poi ha aggiunto: "Per quanto riguarda la nota dolente, cosa dire, dobbiamo dimenticarci il Napoli spumeggiante di qualche tempo fa. Il Napoli ha tutte le qualità per fare un gioco di un certo tipo, ma siamo ancora lontani. Nel Napoli la delusione più grande ha un nome e cognome: Lorenzo Insigne e la sostituzione vuol dire che non si fanno prigionieri in questo periodo. Llorente ha cambiato il modo di attaccare, la palla riusciva a restare per più tempo in zona offensiva con i due terzini finalmente liberati".
AREANAPOLI

Marchegiani: "Il Napoli non può accontentarsi del 2° tempo, serve un attaccante che dia profondità"
Luca Marchegiani, commentatore tecnico di Udinese-Napoli ai microfoni di Sky Sport, ha commentato a caldo il pareggio della Dacia Arena: "Il Napoli non può accontentarsi di questo secondo tempo. Deve restare la fiducia nel risultato e la consapevolezza che serve un attaccante che dia profondità alla squadra".
TUTTONAPOLI

Napoli deludente, Chiariello: "Caso Insigne: è arrivato un segnale gravissimo! Serve un cambio"
Umberto Chiariello, giornalista, ha parlato nel corso di Campania Sport, su Canale 21, soffermandosi sul deludente pareggio per 1-1 del Napoli.
Il giornalista Umberto Chiariello ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso della trasmissione Campania Sport, programma in onda sull'emittente televisiva Canale 21. Queste le sue parole: "Vi do dei numeri: sette partite di campionato, più due di Champions: il Napoli non ha vinto nemmeno una partita. I partenopei segnano con il contagocce. Il Napoli ha conquistato fino a questo momento ventuno punti in quindici partite e sono oggettivamente pochi. Sono numeri che ricordano il primo anno in A con Reja".

Umberto Chiariello ha poi aggiunto: "Con Reja l'ottavo posto finale fu anche un risultato positivo. Era però una squadra decisamente inferiore rispetto a quella attuale. La società azzurra, in quella stagione, fu criticatissima per il calciomercato, ma prese calciatori come Lavezzi e Hamsik. In quella stagione il Napoli vinse 0-5 a Udine. Stasera tutta un'altra storia. Il Napoli, nel primo tempo, non ha fatto un tiro in porta. Il fatto che Lorenzo Insigne non rientri dallo spogliatoio è un fatto gravissimo. E Ancelotti non ci dica che va tutto bene. Ci vuole un cambiamento: ora o mai più!".
AREANAPOLI

Eurorivali / Vincono Liverpool e Salisburgo
Questi i risultati, nei rispettivi campionati, delle avversarie del Napoli nel Gruppo E di Champions League.
Inghilterra: Il Liverpool ha battuto il Bournemouth in trasferta per 3-0 (Oxlade, Keita, Salah)
I Reds comandano la Premier con 46 punti dopo 16 giornate.
Austria: Il Salisburgo ha battuto il WSG Tirol per 5-1 ( gol di Daka, Haaland, Okugawa, Minamino, Ulmer)
Il Salisburgo guida la Bundesliga austriaca con 43 punti dopo 17 giornate.
Belgio: Il Genk giocherà stasera contro il Cercle Brugge in trasferta. Il Genk è nono nella First Division con 21 punti dopo 16 giornate.
SSCNAPOLI

Udinese, Gotti a Sky: "C'erano presupposti per far male al Napoli, peccato non aver sfruttato occasioni"
Luca Gotti, allenatore dell'Udinese, ha parlato nel post partita ai microfoni di Sky Sport: "Dispiace perchè c'erano i presupposto per far male al Napoli. Abbiamo concesso pochissimo, abbiamo avuto opportunità per far male al Napoli, dispiace non averle sfruttate. Non sempre le idee vengono soddisfatte dal campo. All'Olimpico domenica scorsa siamo stati presuntuosi, pur avendo preparato la partita propositiva abbiamo concesso spazi di troppo alla Lazio. La prestazione di oggi passa anche attraverso il mercoledi di Coppa Italia.

Come cambia la mia vita? Non c'ho preso gusto, spero di togliermelo presto! La quotidianità cambia perchè si accumulano tante cose insieme.

De Paul via a gennaio? Non ho il minimo segnale rispetto a questo. Ha avuto un piccolo problemino, spero di non perderlo a causa dell'infermeria".
TUTTONAPOLI

Maksimovic battibecca con il guardalinee durante il riscaldamento: cartellino rosso per il difensore azzurro
Cartellino rosso per per Nikola Maksimovic. Il difensore serbo ha battibeccato con il guardalinee durante le operazioni di riscaldamento. L'arbitro Mariani, richiamato a bordocampo, ha estratto il rosso al calciatore presente in panchina.
CALCIONAPOLI24

Il Mattino - Tegola Milik, il dolore non sparisce: rischia di rientrare in campo nel 2020
Secondo l'edizione odierna de Il Mattino, Milik potrebbe addirittura rientrare ad inizio 2020: "A tirarsi fuori perché il dolore muscolare all’inguine non va via è ancora una volta Milik. Sembrava vicino il suo rientro ma invece nel pomeriggio di venerdì è arrivato un nuovo altolà. Nulla da fare. Il dolore non è sparito e il polacco teme di correre rischi inutili che possano ancor di più aggravare la sua situazione. E dunque, pur allenandosi, non si sente pronto ad affrontare una partita vera. Si è fatto assistere anche fuori Napoli (in un centro romagnolo), sta provando anche vie personali per uscire fuori da questo tunnel. Nulla da fare. L’impressione, visto quello che continua a lamentare, è che Milik possa rivedersi in campo nel 2020. A meno che il dolore non sparisca"
CALCIONAPOLI24

IL MATTINO - Ancelotti ridimensiona il ruolo del figlio! Niente deleghe. Il retroscena
Secondo quanto riferisce l'edizione odierna de Il Mattino Carlo Ancelotti avrebbe deciso di tenere tutta la situazione nelle sue mani.
Il Napoli ha preparato la gara contro l'Udinese con grande attenzione e concentrazione. Secondo quanto riferisce l'edizione odierna de Il Mattino tre giorni di lavoro diverso rispetto alla tradizione: una doppia seduta giovedì, una lunga riunione anche per visionare in maniera più approfondita i rivali dioggi. Ma con Ancelotti al centro di ogni cosa. Già, perché questa è stata la settimana in cui Carlo si è piazzato nel mezzo e ha preso tutto  in  mano. Senza  delegare più nulla.

Neppure al figlio Davide, suo braccio destro che difende a spada tratta da ogni allusione che arriva dall’esterno. Ma stavolta Re Carlo ha capito che contro un gruppo che invoca una guida sicura e dura non c’è spazio per altri che non sia lui. Ancelotti junior, in queste ore, si è un po’ messo da parte, limitando i suoi interventi anche nel corso dell’allenamento. Ricordiamo che il figlio Davide nel Napoli ricopre il delicato ruolo di vice allenatore.
AREANAPOLI

CorSport, Marolda: "Resto fiducioso, il Napoli è una squadra forte e i valori usciranno fuori"
Ciccio Marolda, giornalista del Corriere dello Sport, è intervenuto ai microfoni di Radio Goal, trasmissione radiofonica in onda sulle frequenze di Radio Kiss Kiss Napoli. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli24.it. "La classifica è una conseguenza del rapporto tra le parti e se non si ritrova lealtà e fiducia tra le parti la stagione si complica ancora di più, ma resto fiducioso. Il Napoli resta una squadra forte, i valori restano e devono essere tirati fuori".
CALCIONAPOLI24

Gazzetta - Ancelotti, destino segnato: ad Udine l'ombra dell'esonero, la situazione
Carlo Ancelotti, una storia fatta di successi ma che in quel di Napoli potrebbe trovare un amaro epilogo. Lo scrive l'edizione odierna de la Gazzetta dello Sport, con il tecnico di Reggiolo che già stasera contro l'Udinese rischierebbe l'esonero in caso di risultato negativo: "La Dacia Arena emetterà una sentenza che potrà sconvolgere la storia dei 15 anni di Aurelio De Laurentiis. Se non arriveranno i tre punti, la prima testa a cadere potrebbe essere quella di Carlo Ancelotti, il cui destino è strettamente collegato all’esito di questa partita. E’ possibile che la decisione del presidente verrebbe rimandata a mercoledì, il giorno successivo all’impegno di Champions League, contro il Genk, che dovrebbe certificare il passaggio del Napoli agli ottavi di finale".
TUTTONAPOLI

CdM - Multe Napoli, entro lunedì la difesa dei giocatori: la prima udienza sarà a gennaio
Notizie Calcio Napoli - Caos Napoli, su più fronti. Perché parallelamente al rischio esonero di Carlo Ancelotti e a una classifica disperata, resta sullo sfondo anche la questione multe. A tal proposito, come riferisce il Corriere del Mezzogiorno oggi in edicola, sono in arrivo degli aggiornamenti. Perché proprio tra oggi e lunedì saranno presentate le memorie difensive e si va verso 24 arbitri differenti. Per la prima udienza bisognerà attendere metà gennaio, anche se il Colleggio Arbitrale avrà un'ampia fase dedicata alla possibile conciliazione.
CALCIONAPOLI24

GAZZETTA - Napoli, lo spogliatoio ha sfiduciato Ancelotti! È ostaggio di alcuni giocatori
Secondo l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport Carlo Ancelotti sarebbe ostaggio di un gruppetto di calciatori.
Nello spogliatoio del Napoli si respira un clima abbastanza teso. Sotto osservazione la posizione di Carlo Ancelotti. Lui è ostaggio di quel gruppetto di giocatori che gli ha voltato le spalle e che lo ha mollato da parecchie partite. Incredibile, davvero, l’allenatore più vincente al mondo che resta prigioniero di uno spogliatoio che l’ha sfiduciato, contestandone i metodi di lavoro. Un qualcosa che non s’era mai visto prima e che sta diventando oggetto di studio da parte di chi dovrà valutare il tutto in sede di arbitrato e di giustizia ordinaria.

Resta la delusione per come questa storia si stia avviando al termine. Stasera si capirà fino a che punto la fronda reggerà. Carlo Ancelotti dovrà affidarsi a Lorenzo Insigne, uno dei leader dello spogliatoio di quel gruppetto di contestatori. Strano, ma è così: il destino del tecnico di Reggiolo dipenderà dall’impegno di chi ne ha contestato i metodi di lavoro. A riferirlo è l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport.
AREANAPOLI

Collovati: "Nel Napoli la situazione è fuori controllo, in questo momento anche l'Udinese può creargli problemi"
Fulvio Collovati ha rilasciato alcune dichiarazioni a Canale 21: "Il Napoli affronta una squadra fragile in difesa e che fatica in attacco, ma il momento del Napoli fa diventare pericolosa anche l'Udinese. E' una situazione ormai fuori controllo, Ancelotti ha criticato anche i giocatori in pubblico per la prima volta. S'è esposto dicendo che anche la squadra deve assumersi le proprie responsabilità".
CALCIONAPOLI24

INTERVISTE AZZURRE

7 DICEMBRE 2019

Ancelotti: “Gattuso ha parlato col Napoli? Fa parte del gioco…”. Il tecnico azzurro dopo il pari contro l’Udinese: “Rino è un fratello, ma De Laurentiis ha detto che ha fiducia in me e io ci credo ciecamente. Spaccatura nello spogliatoio? Macché!”
“Nel secondo tempo c’è stata una reazione di atteggiamento, può rappresentare un segnale positivo. La partita si era messa molto male. Cerco di essere ottimista, la squadra ha voglia e carattere per uscire da questo momento difficile. Nel primo tempo siamo stati lenti e involuti, deve scoccare la scintilla che ci permetta di svoltare. Martedì, con tutte le nostre forze, dovremo passare il turno. Quella potrebbe essere la scintilla”. Carlo Ancelotti guarda già avanti. Il tecnico del Napoli non fa drammi dopo l’1-1 della Dacia Arena contro l’Udinese: “Il secondo tempo è stato diverso, abbiamo spinto di più con i due terzini. Questa squadra deve riuscire a ritirare fuori il meglio di sé - ha detto a Sky Sport -. Mercato? Abbiamo ancora partite importanti da giocare. Dobbiamo utilizzare la faccia della Champions che non è sicuramente quella del campionato. Credo che in questo momento la preoccupazione prevalga sulla lucidità. Abbiamo preso un gol ridicolo, Lasagna in quelle situazioni è un giocatore formidabile. Il nostro spogliatoio? Sento parlare di squadra spaccata, di metodi di allenamento blandi…è tutto falso. Non c’è stato nessun problema legato alla preparazione della squadra che sta bene fisicamente”.

Ancelotti: “Gattuso? Fa parte del gioco…”
“Insigne? Non ha fatto bene nel primo tempo così come non hanno fatto bene altri. Ho cercato di modificare l’assetto mettendo la punta alta. Insigne si sente molto responsabile della situazione perché è il capitano. Gattuso ha parlato col Napoli? Fa parte del gioco, Rino è un fratello. Il presidente ha detto che ha fiducia in me e io ci credo ciecamente. Non ho mai pensato di lasciare il Napoli, adesso mi sento molto più coinvolto”.
CDS

Zielinski a Sky: "Dominato, meritavamo di più! Ancelotti? E' un grande, noi dobbiamo dare di più"
Piotr Zielinski ha parlato ai microfoni di Sky Sport per commentare a caldo il pareggio della Dacia Arena: "Che valore ha questo punto? Dobbiamo ripartire dal secondo tempo, abbiamo dimostrato di saper giocare il nostro calcio. Abbiamo creato tante occasioni e dominato, meritavamo qualcosa in più. Questo punto ci serve per la fiducia, conosciamo il momento che stiamo vivendo, ma dobbiamo ripartire dal secondo tempo".

Sul periodo. "Stiamo vivendo un periodo non buonissimo, vogliamo fare molto meglio, dobbiamo fare molto meglio. Siamo una grande squadra ma nel calcio succedono questi periodi, ora pensiamo alla partita di martedi che è importante".

Su Ancelotti. "E' un grande mister, noi scendiamo in campo e noi dobbiamo dare di più".

Sul gol. "Sono contento sia arrivato il gol, ho tirato tantissime volte in porta, sono contento. E' arrivato qui dove sono cresciuto ed ho esordito in Serie A. Sono contento".
TUTTONAPOLI

CALCIOMERCATO NAPOLI

7 DICEMBRE 2019

"Mourinho su Koulibaly, il Tottenham parla col Napoli". Come riporta "Eldesmarque", l'allenatore portoghese vorrebbe portare il difensore senegalese in Premier. Valutato 100 milioni, gli Spurs avrebbero già avviato i contatti con De Laurentiis
MADRID - Kalidou Koulibaly è finito nel mirino del Tottenham. Come si legge su "Eldesmarque", infatti, Josè Mourinho vorrebbe portare in Premier League con gli Spurs il difensore senegalese, dopo aver provato a portarlo con sé già quando era manager del Manchester United. Valutato 100 milioni dal Napoli, il Tottenham avrebbe già avviato la discussione con il club di De Laurentiis per avere il difensore centrale da 6 anni al Napoli. Nelle sue prime settimane alla guida del Tottenham, infatti, Mourinho avrebbe già riscontrato delle carenze di organico e starebbe pensando di operare al meglio già nel mercato invernale per provare a piazzare qualche colpo importante per la sua squadra. Koulibaly, tuttavia, ha vari estimatori in Europa, tra cui anche il Real Madrid, ex squadra allenata proprio da Josè Mourinho. Il prezzo che sembra fissato, si legge ancora da "EldesMarque", dal Napoli è di 100 milioni di euro che renderebbe il senegalese il difensore più pagato della storia superando Van Dijk e Maguire che avevano battuto i record negli ultimi anni. Per quanto riguarda il Real, Florentino Perez sembra esser stato chiaro con Zidane: non più di 75 milioni per un'operazione in difesa dove i blancos possono contare già su due pedine di importanza mondiale come Sergio Ramos e Varane. Mourinho avrebbe, dunque, scelto Koulibaly per dare sempre più credibilità al suo progetto di rendere il Tottenham un club vincente.
CDS

IL MATTINO - Callejon e Mertens via a gennaio. De Laurentiis prova il grande colpo di mercato
Secondo quanto riferisce l'edizione odierna de Il Mattino Aurelio De Laurentiis avrebbe capito che l'avventura di Mertens e Callejon è arrivata alla fine.
Come riferisce l'edizione odierna de Il Mattino Aurelio De Laurentiis pensa davvero che per Ibrahimovic possa essere fatto uno strappo alla regola. Sa che il suo arrivo qui darebbe nuova linfa anche all’immagine del club e dunque con Mino Raiola c’è stato, proprio in queste ore, un contatto. Non è operazione semplice, anzi è assai complicata. Gli 8 milioni chiesti dallo svedese non sono spiccioli anche se con le agevolazione del bonus fiscale del Decreto Crescita.

De Laurentiis si è reso conto, al di là dei tweet, che Dries Mertens e Josè Callejon non possono arrivare a giugno. La loro avventura a Napoli è agli sgoccioli. Hanno già la valigia in mano, come dimostrano anche le scelte tecniche degli ultimi tempi e l’assenza di qualsiasi trattativa per il prolungamento della loro permanenza. Le chance di portare Zlatan in azzurro aumenterebbero in caso di passaggio del Napoli agli ottavi di Champions.
AREANAPOLI

Il Mattino - ADL non molla Ibra! Contatto nelle ultime ore con Raiola, il piano
Con una situazione molto delicata sotto il punto di vista dei risultati, è chiaro che in casa Napoli anche il mercato di gennaio potrebbe rappresentare un punto di svolta, magari nella speranza di poter inserire qualche pezzo importante all'interno di un mosaico decisamente scolorito come quello costruito negli ultimi due anni all'ombra del Vesuvio.

IL POSSIBILE AFFONDO - Come riporta l'edizione di oggi de Il Mattino, il presidente De Laurentiis starebbe seriamente pensando all'affondo per Zlatan Ibrahimovic: nelle ultime ore, infatti, ci sarebbe stato un contatto con l'agente dello svedese Mino Raiola, L'operazione, ovviamente, resta complicata visti gli otto mln chiesto dall'ex giocatore dei LA Galaxy.

MOTIVAZIONI - L'operazione Ibra sarebbe un mossa, da parte del patron Aurelio, volta a dare nuova linfa ad un ambiente che sembra ormai spento dopo le ultime vicissitudini e risultati decisamente negativi. Chiaro che anche per Zlatan, al contempo, il passaggio del turno del Napoli in Champions sarebbe un passaggio chiave che potrebbe convincerlo, vista la possibilità di poter nuovamente giocare un torneo di prestigio.
TUTTONAPOLI

6 DICEMBRE 2019

Milot Rashica, si accende la sfida di mercato tra Milan e Napoli. Il fantasista non si sbilancia
Tante squadre iniziano a seguire il fantasista kosovaro del club tedesco che però ha un contatto fino al 2022 e non sarà facile prenderlo.
Non solo il Milan su Milot Rashica, talento del Werder Brema già a quota 6 gol e 3 assist in Bundesliga. Secondo quanto riportato dal portale 'Kreiszeitung', infatti, ci sarebbe anche il Napoli di Aurelio De Laurentiis che avrebbe messo nel mirino il fantasista classe 1996. Rashica ha un contratto in scadenza nel 2022 con il club tedesco e nel mese scorso ha parlato così del suo futuro: "Sono molto sereno, ho un contratto lungo fino al 2022 e abbiamo una squadra fantastica".

Poi ha aggiunto: "Futuro? È difficile pianificarlo con largo anticipo". Milan e ora Napoli restano dunque alla finestra per il talento kosovaro. Il club partenopeo, a dire il vero, avrebbe bisogno di centrocampisti in grado di svolgere il lavoro di Allan, ma a quanto pare l'idea del fantasista, che nella finistra estiva vedeva James Rodriguez in cima ai desideri di Ancelotti, non è stata del tutto abbandonata. Da capire quanti milioni saranno necessari per convincere il club tedesco a cederlo.
AREANAPOLI

5 DICEMBRE 2019

Di Marzio- Napoli, assalto a Castagne a gennaio, Gagliolo è l’alternativa
Il Napoli cerca rinforzi in vista del mercato di gennaio. Stando a quanto riporta il collega Gianluca di Marzio, il primo obiettivo dei partenopei è l’atalantino Timothy Castagne. Gli azzurri vorrebbero infatti rinforzare la catena di sinistra dal momento che serve un’alternativa importante per l’algerino Ghoulam, out da due mesi. Qualora i campani non dovessero arrivare a Castagne, potrebbe diventare d’attualità un interesse per Riccardo Gagliolo, che a Parma ha trovato anche la gioia del debutto con la nazionale svedese.
PIANETANAPOLI

RAI - Gattuso verrebbe a piedi al Napoli! Esonero di Ancelotti inevitabile in un caso. Su Mertens-Inter arrivano segnali
A Radio Sportiva è intervenuto il giornalista ed esperto di calciomercato di RAI Sport Ciro Venerato, rilasciando alcune dichiarazioni:

Calciomercato, Gattuso al Napoli?
“Difesa del Napoli? Albiol dava una fiducia a Koulibaly che Manolas non riesce a dare.

La situazione di spogliatoio si è incancrenita anche per alcune scelte di Ancelotti a livello tattico e di preparazione atletica. Sono arrivati risultati disastrosi in campionato e conseguentemente malumore nello spogliatoio.

Gattuso al Napoli? Ci andrebbe a piedi. Diamo ancora fiducia ad Ancelotti nelle prossime tre gare, poi credo che in base ai risultati la società prenderà delle decisioni.

L'idea del Napoli è di andare avanti con Carlo Ancelotti fino a giugno, ma se i risultati dovessero essere negativi l'esonero diventerebbe inevitabile. E in quest'ultimo caso Gattuso sarebbe il profilo ideale.

Dries Mertens all’Inter? Non mi arrivano segnali forti per gennaio. Vediamo se succederà qualcosa a giugno.

Ibrahimovic? Il Milan ha fatto un'offerta importante al giocatore: contratto di 6 mesi con un'opzione per i successivi 12. Possibile che il Milan possa togliere l'opzione in 18 mesi totali perché Ibrahimovic vuole fiducia incondizionata"
CALCIONAPOLI24

Prandelli smentisce: "Napoli? Fa piacere essere accostato, ma non c'è nulla di vero. Non sento ADL dai tempi della Nazionale"
Cesare Prandelli parla dell'accostamento al Napoli nelle ultime ore con il possibile esonero di Ancelotti. Il tecnico apprezza ma smentisce le voci
Cesare Prandelli ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Kiss Kiss: "La fiducia incondizionata di De Laurentiis ad Ancelotti è una scelta saggia. Chi meglio di Carlo può gestire una gestione difficile come questa, ora sta ai calciatori assumersi le responsabilità ed avere la giusta compattezza per ritornare a fare risultato. Io al Napoli? Fa piacere essere accostato ad una grande squadra. Se qualcuno l'ha scritto mi fa piacere, non c'è niente di vero. Ci sarebbe da preoccuparsi in virtù delle parole del presidente di ieri. Con De Laurentiis c'è stato un ottimo colloquio ai tempi della Nazionale poi non ho più avuto colloqui con lui"
CALCIONAPOLI24

Ibrahimovic-Napoli, Repubblica - Deciderà a metà dicembre, sta aspettando Napoli-Genk! Lo svedese sogna gli ottavi Champions in azzurro
"Champions al San Paolo, Ibrahimovic tentato", titola così l'edizione nazionale di Repubblica che rilancia una trattativa che nelle ultime settimane sembrava sfumata come le più classiche suggestioni difficili da realizzare. L'attaccante svedese, che ha appena lasciato l'MLS, è stato chiaro e ha palesato la voglia di tornare in Italia. Se ne occuperà il suo agente Mino Raiola di trovare la squadra giusta per il ritorno italiano di Ibracadabra.

"L’amicizia con Mihajlovic a favore del Bologna, gli ottavi di Champions League per il Napoli e l’amore per la città di Milano dalla parte del Milan". Sono questi gli elementi che guideranno la scelta di Zlatan Ibrahimovic sulla sua prossima destinazione italiana, lo scrive l'edizione odierna di Repubblica:
"Nei corridoi della sede rossonera si registra una certa prudenza, unita a qualche scarica di ottimismo (da ieri anche i bookmaker danno il Milan in testa nella corsa allo svedese). Ma il problema è che – assicurano a Casa Milan – il semaforo verde non si è ancora acceso. Il club rossonero avrebbe preferito una risposta più rapida. E vorrebbe ricevere comunicazioni dirette piuttosto che leggere le dichiarazioni di Ibrahimovic.

Anche la data scelta per la risposta, poco prima della metà di dicembre, non sembra casuale. Alla base ci sarebbe la volontà di aspettare la partita tra Napoli e Genk, che dovrebbe regalare il 10 dicembre a Koulibaly e compagni la qualificazione agli ottavi di Champions. Intanto proseguono i contatti tra Ibrahimovic e Mihajlovic in omaggio alla loro grande amicizia. Sarebbe il finale più toccante. Ma Ibra ha talmente tante proposte che perfino il suo storico agente Raiola al momento non si sbilancia".
CALCIONAPOLI24

Inter-Mertens, Tuttosport: il belga chiede un ricco triennale. Pressing di Lukaku per convincerlo, cifre e dettagli
L'edizione odierna di Tuttosport racconta di un Romelu Lukaku che potrebbe fare da portavoce dell'Inter per strappare il sì di Dries Mertens in vista della prossima estate. Ecco nel dettaglio cosa racconta il quotidiano torinese.

INTER-MERTENS, LE CIFRE
"Nella battaglia per i parametri zero, l’Inter quest’anno ha un alleato in più: Romelu Lukaku. Ovvero uno straordinario sponsor tra i big della Nazionale belga che hanno il contratto in scadenza al 30 giugno: Dries Mertens ma pure Jan Vertonghen e Toby Alderweireld, tutti da tempo nel mirino del club nerazzurro.Discorso più complesso per Mertens, alla luce del suo rapporto viscerale con Napoli. Le richieste del giocatore - un triennale da 4,5 milioni - sono molto importanti ma soprattutto è importante la spaccatura creatasi tra Aurelio De Laurentiis e lo spogliatoio che potrebbe indurre il presidente a fare piazza pulita dei senatori in estate. L’Inter, contando pure sul pur discreto pressing di “Big Rom” in Nazionale, è soltanto spettatrice di quanto sta accadendo, certo è che Conte voleva pure Mertens al Chelsea e questo è più di un indizio sulle volontà dell’allenatore nel caso in cui vada sostituito Sanchez (tesi sottolineata, non a caso, pure dalla stampa belga)".
CALCIONAPOLI24

Radio KissKiss Napoli
Il Napoli in Diretta Streaming
Radio Marte

AVVISO AI NAVIGANTI
TUTTI POSSONO COPIARE, PRELEVARE NOTIZIE, IMMAGINI E VIDEO
SUL SITO WEB MA DEVONO "SEMPRE" CITARNE LA FONTE:  

WWW.SOLOLASERIEA.IT

E' SEVERAMENTE VIETATO PRELEVARE FOTO, NOTIZIE E VIDEO ALL' INTERNO
DELLE AREE RISERVATE SENZA ESPLICITO CONSENSO DEL WEBMASTER


Le foto e gli articoli presenti sul sito sono stati in parte presi da Internet, e quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al webmaster, che provvederà prontamente alla rimozione.

IL WEBMASTER
GIANFRANCO BRUNO


PER CONTATTARE IL WEBMASTER CLICCATE QUI

SITO REALIZZATO DA INFORMATICA NUSCANA
www.informaticanuscana.it

Sito realizzato da Informatica Nuscana
Logo Sololaseriea.it
Torna ai contenuti