SololAserieA - SOLO LA SERIE A

Vai ai contenuti
Hai perso i dati? Affidati ad Informatica Nuscana
Affida a Ontrack il tuo recupero dati
Hai perso i dati? Affidati ad Informatica Nuscana
Affida a Ontrack il tuo recupero dati
ASSISTENZA E VENDITA PC
ASSISTENZA E VENDITA PC ASSEMBLATI
ASSISTENZA E VENDITA PC
RECUPERO E CANCELLAZIONE DATI
VENDITA KIT VIDEOSORVEGLIANZA
SICUREZZA INFORMATICA
NOTIZIE AZZURRE
INTERVISTE AZZURRE
IL CALENDARIO SERIE A TIM 2019/2020
LA CLASSIFICA DI SERIE A TIM 2019/2020
KASPERSKY 2019
KASPERSKY 2019
KASPERSKY 2019
DANEA EASYFATT
PRODOTTI MICROSOFT
DANEA EASYFATT
I MARCATORI AZZURRI 2019/2020
I PREZZI DELLE PARTITE
CLASSIFICA E RISULTATI SERIE A
I TABELLINI AZZURRI
TWITTER SSCNAPOLI
TUTTI I VIDEO DEL NAPOLI
NOTIZIE AZZURRE

6 OTTOBRE 2019

Napoli, mercoledì la ripresa degli allenamenti
Dopo la gara di Torino, il Napoli riprenderà gli allenamenti mercoledì pomeriggio al Centro Tecnico.
Gli azzurri si allenano nella settimana della sosta per le Nazionali.
Il campionato riprenderà sabato 19 ottobre con Napoli-Verona, ottava giornata di Serie A (ore 18)
SSCNAPOLI

Prima convocazione con l'Italia per Di Lorenzo. Anche Insigne e Meret in azzurro. 12 calciatori del Napoli in Nazionale
Sono 12 i calciatori del Napoli convocati in Nazionale.

Prima chiamata in con l'Italia per Giovanni Di Lorenzo, che insieme a Insigne e Meret è stato inserito nella lista azzurra dal CT Roberto Mancini.
La Nazionale azzurra affronterà il doppio match di qualificazione agli Europei del 2020: Italia-Grecia (sabato 12 ottobre all'Olimpico di Roma) e Liechtenstein-Italia (martedì 15 ottobre a Vaduz).

Dries Mertens convocato per la doppia sfida di qualificazioni a Euro 2020: Belgio-San Marino (10 ottobre) e Kazakhistan-Belgio (13 ottobre).

Milik e Zielinski impegnati nella doppia gara di qualificazioni a Euro 2020: Lituania-Polonia (10 ottobre) e Polonia-Macedonia (13 ottobre)

Hirving Lozano in campo nella doppia amichevole: Bermuda-Messico (11 ottobre) e Messico-Panama (15 ottobre).

Fabian Ruiz impegnato nella doppia gara di qualificazioni a Euro 2020: Norvegia-Spagna (12 ottobre) e Svezia-Spagna (15 ottobre).

Mario Rui di scena per la doppia gara di qualificazione a Euro 2020: Portogallo-Lussemburgo (11 ottobre) e Ucraina-Portogallo (14 ottobre).

Eljif Elmas impegnato nella doppia sfida di qualificazione a Euro 2020: Macedonia-Slovenia (10 ottobre) e Polonia-Macedonia (13 ottobre).

Kalidou Koulibaly di scena nell'amichevole Brasile-Senegal (10 ottobre).

David Ospina di scena nella doppia amichevole: Colombia-Cile (12 ottobre) e Algeria-Colombia (15 ottobre)
SSCNAPOLI

Torino-Napoli, 24esimo pareggio in casa granata
E' stata la sfida numero 131 tra Torino e Napoli in Serie A, l'edizione numero 66 in casa granata.
Questo il bilancio dopo il pari di stasera: 24 vittorie del Torino, 24 pareggi, 18 successi del Napoli.

Ultima vittoria del Napoli in trasferta contro il Torino in Serie A:
23 settembre 2018 - Torino v Napoli 1-3

Ultima sconfitta del Napoli in trasferta contro il Torino in Serie A:
1 marzo 2015 - Torino v Napoli 1-0
SSCNAPOLI

Hysaj, frattura parcellare dello sterno
Frattura parcellare dello sterno. Dopo un esame clinico e radiologico è questa l'ultima diagnosi per Elseid Hysaj che è uscito dopo uno scontro di gioco durante il match Torino-Napoli.
Il difensore azzurro non partirà per gli impegni della Nazionale albanese
SSCNAPOLI

Sapete perchè Mazzarri andò via da Napoli? Svelato il motivo. Il mister non aveva tutti i torti
Il Napoli affronterà quest'oggi, alle ore 18, il Torino allenato da mister Walter Mazzarri. Sarà un match particolarmente impegnativo.
Walter Mazzarri ha rilasciato alcune dichiarazioni al giornalista Paolo Condò per SKY Sport: "Il Napoli? Con gli azzurri sono state stagioni meravigliose, arrivammo agli ottavi Champions, per poco ai quarti, ci ha sollevato il fatto che il Chelsea, che ci eliminò, arrivò a vincerla quella coppa. Me ne sono andato perchè vivo di stimoli e dopo il secondo posto non avevo più la certezza di poter lottare per lo scudetto. L'Inter arrivò dopo", le sue parole.

Tra Walter Mazzarri e Aurelio De Laurentiis c'erano delle frizioni riguardanti le strategie di mercato. La società azzurra aveva intenzione di puntare sui giovani, farli crescere all'interno del club e portarli a diventare dei top player. Il tecnico, invece, era convinto che per vincere lo Scudetto servissero calciatori già pronti, di grande esperienza internazionale. Uno degli argomenti che divise maggiormente le parti fu Edu Vargas. Il club azzurro credeva fosse un grande calciatore, Mazzarri aveva dei dubbi, lo considerava ancora troppo acerbo. Il mister non aveva tutti i torti. Vargas non ha dimostrato poi di fare la differenza, non in Serie A almeno...
AREANAPOLI

Hellas Verona, Stepinski già punta il Napoli: "Andremo lì con mentalità per fare risultato"
Le principali dichiarazioni dell'attaccante gialloblù, Mariusz Stepinski, rilasciate al termine di Hellas Verona-Sampdoria, 7a giornata della Serie A TIM 2019/20. "Partita difficile? Sapevamo che la Sampdoria è una squadra molto forte, lo ha dimostrato anche lo scorso anno. Loro arrivavano carichi e motivati, ma noi abbiamo messo sul campo la mentalità giusta, questa vittoria ci serviva tanto. Aiutare i compagni? La cosa più importante è vincere e aiutare la squadra. Siamo una famiglia e dobbiamo fare più punti possibili. L'obiettivo questa sera era vincere e l'abbiamo raggiunto. Il campionato è ancora lungo e ci aspettano gare importanti.

Il Napoli? Abbiamo dimostrato di saper fare punti in traferta, come a Cagliari, quindi andremo li con la mentalità vincente per fare risultato. Giocare al Bentegodi? E' bellissimo giocare davanti ai tifosi. Quando battiamo gli angoli non riusciamo a parlare tra di noi tanto è forte il frastuono del tifo".
TUTTONAPOLI

Bruno Longhi: "Belotti è tornato quello che era stato valutato 100mln, ma il Napoli è favorito per un motivo"
Nel Microfono Aperto di Radio Sportiva il giornalista Bruno Longhi ha risposto alle domande degli ascoltatori:
“Il Torino illude e disillude, deve ancora trovare continuità di risultati: con il Napoli è una partita difficile, Belotti è tornato quello che era stato valutato 100 milioni, ma i partenopei costruiscono sempre tante palle gol e sono favoriti"
CALCIONAPOLI24

Il Napoli vuole riavvicinarsi ai primi posti: a Torino Ancelotti rispolvera il tridente leggero
Ad inizio ottobre il Napoli è già chiamato ad un match che sembra un dentro o fuori. Il più classico bivio stagionale. Il ko interno con il Cagliari, per quanto sia arrivato in modo casuale e sicuramente immeritato, obbliga la squadra di Ancelotti a fare risultato quest'oggi a Torino per non vedere le prime posizioni già a distanze siderali. Ed in questo senso, proprio il big-match tra Inter e Juventus che seguirà la sfida di Torino, può invece essere una chance importante per accorciare prima della sosta e archiviare anche la delusione per il pareggio di Genk che di certo non ha aiutato la squadra dal punto di vista della fiducia e della consapevolezza.

A Torino a guidare il Napoli ci sarà Lorenzo Insigne. Il caso scoppiato a Genk, per la tribuna e alcune reazioni familiari, è rientrato senza troppe difficoltà dopo un colloquio in cui Carlo Ancelotti ha insistito su quella che sarà la sua gestione della rosa. Torna dal primo minuto anche Mertens, con Callejon a destra, insieme a qualche novità nello sviluppo del gioco che potrebbe ripartire da questo tridente. Anche per questo in mediana potrebbero trovare spazio sia Zielinski che Fabian con Allan mentre in difesa - senza Koulibaly squalificato, Maksimovic e Mario Rui infortunati - ci sarà Luperto in coppia con Manolas mentre ai lati agiranno Ghoulam e Di Lorenzo, fresco di convocazione in nazionale dopo una scalata che in due anni l'ha portato dalla C alla Champions.
TUTTONAPOLI

Chiariello a RPN: "Ancelotti ha avuto un anno di tempo, ora a Torino il Napoli è obbligato a vincere"
Durante la diretta di "Punto Nuovo Show", è intervenuto Umberto Chiariello, in onda su Radio Punto Nuovo: "Il tempo di Ancelotti è stato lungo come incubazione di una squadra. Ha avuto un anno di tempo, e bisogna dare atto che l'anno scorso non è mai intervenuto anzi anche avallato le scelte di mercato di De Laurentiis, avallando anche l'addio di Hamsik. Ma quest'anno? Lozano è una sua scelta, perchè ha detto di conoscerlo bene, dal momento che ha commentato le partite in Messico. Ha voluto Elmas. Ha avallato la scelta di Di Lorenzo, adesso convocato in Nazionale, finora il miglior acquisto in assoluto; così come Manolas e Llorente, che è stata una battaglia di Ancelotti e Giuntoli per convincere De Laurentiis a fare quest'operazione per prendere un trentaquattrenne a parametro zero. Ora bisogna crederci, e se dobbiamo crederci a Torino il Napoli deve vincere, perchè sarà la madre di tutte le battaglie!"
CALCIONAPOLI24

5 OTTOBRE 2019

Eurorivali / Vincono Liverpool e Salisburgo
Questi i risultati, nei rispettivi campionati, delle avversarie del Napoli nel Gruppo E di Champions League.
Inghilterra: Il Liverpool ha battuto il Leicester per 2-1 (Mane, Milner rig.). I Reds comandano la Premier League a punteggio pieno dopo 8 giornate.
Austria: Il Salisburgo ha battuto l'Altach per 6-0 (tripletta di Daka, Koita, Farkas, Prevljak). Il Salisburgo guida la Budesliga austriaca con 28 punti dopo 10 giornate.
SSCNAPOLI

Prima vittoria per Maradona e arrivano i complimenti dal Napoli. Successo 4-2 in trasferta per il Gimnasia La Plata guidato dall'ex asso argentino: via Twitter la sua ex squadra si congratula
MENDOZA (Argentina) – Prima vittoria da allenatore del Gimnasia La Plata per Diego Armando Maradona e tanti complimenti dal Napoli.  La formazione guidata dall’ex asso argentino si impone 4-2 in trasferta contro il Godoy Cruz. Il Gimnasia va avanti grazie ai gol di Contin al 2’ e Ayala al 44’. Brunetta accorcia le distanze per il Godoy allo scadere del primo tempo, ma i padroni di casa restano in dieci al 51’ per doppia ammonizione a Varela. Nonostante l’inferiorità numerica Brunetta firma il 2-2 prima della seconda espulsione per il Godoy (secondo giallo per Jacquet all’81’) che spiana la strada al Gimnasia: i ragazzi di Maradona chiudono la pratica con i gol ancora di Ayala all’83’ e di Garcia all’87’.

I complimenti del Napoli a Maradona
A salutare la prima vittoria di Maradona anche il “suo” Napoli, che si è complimentato con il “Pibe de oro” via Twitter: “Congratulazioni Diego Maradona per il tuo primo trionfo da allenatore del Gimnasia”. La squadra dell'ex fuoriclasse è al primo successo stagionale dopo 9 giornate di campionato: attualmente è penultima con 4 punti.
SSCNAPOLI

Chiariello suona la carica: "Napoli, dobbiamo crederci. A Torino la madre di tutte le battaglie!"
il giornalista di Canale 21 e di Radio Punto Nuovo Umberto Chiariello ha parlato della sfida di domani pomeriggio tra Napoli e Torino.
Durante la diretta di "Punto Nuovo Show" il giornalista Umberto Chiariello ha parlato della sfida di domani pomeriggio alle ore 18:00 presso lo stadio "Grande Torino" del Napoli contro il Torino. Queste le sue parole: "Il tempo di Ancelotti è stato lungo come incubazione di una squadra. Ha avuto un anno di tempo e bisogna dare atto che l'anno scorso non è mai intervenuto anzi ha anche avallato le scelte di mercato di De Laurentiis, avallando anche l'addio di Hamsik".

Chiariello ha inoltre aggiunto: "Ma quest'anno? Lozano è una sua scelta, perchè ha detto di conoscerlo bene dal momento che ha commentato le partite in Messico. Ha voluto Elmas. Ha avallato la scelta di Di Lorenzo, adesso convocato in Nazionale, finora il miglior acquisto in assoluto; così come Manolas e Llorente, che è stata una battaglia di Ancelotti e Giuntoli per convincere De Laurentiis a fare quest'operazione per prendere un 34enne a parametro zero. Ora bisogna crederci, e se dobbiamo crederci a Torino il Napoli deve vincere perchè sarà la madre di tutte le battaglie!"   
AREANAPOLI

CorSport - Insigne caso chiuso salvo sorprese! Lorenzo titolare domani, qualcosa è cambiato negli ultimi due giorni a Castel Volturno
Insigne titolare col Torino, il caso è chiuso. Ad annunciarlo è l'edizione odierna del Corriere dello Sport. Qualcosa è cambiato negli ultimi due giorni
La tribuna di Genk, il post polemico del fratello: caso chiuso, Lorenzo Insigne gioca e sarà titolare in Torino-Napoli. Lo annuncia l’edizione odierna del Corriere dello Sport, della cui analisi vi proponiamo uno stralcio.

Formazioni Torino-Napoli, Insigne titolare
“Lorenzo c’è. Titolare: come in un certo senso aveva fatto capire Ancelotti a Genk. Caso chiuso, verrebbe da dire, salvo sorprese. Salvo stravolgimenti che non dovrebbero saltare fuori. Negli ultimi due giorni, insomma, qualcosa è cambiato. Almeno stando ai parametri di valutazione di Ancelotti.

Bisogna ritenere che la tensione collettiva avvertita nelle segrete dello spogliatoio sin dalla faticaccia con il Brescia, i provvedimenti internazionali, gli sfoghi social familiari (del fratello maggiore di Lorenzo) e i chiarimenti sono stati sostituiti dai fatti. Dal lavoro: silenzio e sudore”
CALCIONAPOLI24

Bruscolotti: "Insigne e Ancelotti devono ritrovarsi per il bene del Napoli"
Giuseppe Bruscolotti, ex difensore e capitano del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul caso Insigne ai microfoni dell'edizione odierna de La Repubblica. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di CalcioNapoli24.it. Ancelotti e Insigne sono due figure chiave di questo gruppo. Devono parlare e ritrovarsi per il bene della squadra. Se ci sono problemi, vanno chiariti immediatamente. Le parole dell’allenatore sono inequivocabili, ma un capitano in tribuna è strano
CALCIONAPOLI24

IL MATTINO - Ancelotti deluso dalla squadra: clima pesante, così ha provato a dare la scossa
L'edizione odierna de Il Mattino ha parlato del momento vissuto da Carlo Ancelotti. Per il Napoli è un momento difficile.
Carlo Ancelotti ha provato a dare la scossa in quest giorni. Domenica scorsa al San Paolo s'è reso autore di uno sfogo che è venuto alla luce, cosa che l'allenatore azzurro non voleva. Ci è rimasto male. ma d'altronde è vero che l'atteggiamento della squadra negli ultimi giorni non gli è piaciuto: per cambiarlo, Carletto prova a motivare i suoi prendendo ad esempio il suo Milan, una squadra di lavoratori sempre affamata. Così vuole che sia anche il Napoli.

L'edizione odierna de Il Mattino riferisce dello stato d'animo dell'allenatore del Napoli dopo che sono uscite fuori alcune indiscrezioni di spogliatoio negli ultimi giorni: "Non gli ha fatto piacere che il suo sfogo nello spogliatoio del San Paolo di domenica pomeriggio sia venuto alla luce. Non voleva e ci è rimasto male. Ha però confermato, alla sua maniera, con dichiarazioni di prammatica, che l'atteggiamento degli ultimi tempi non porta da nessuna parte. E lo ha ribadito più volte alla squadra, anche questa settimana, come già successo anche nel corso del precampionato"
AREANAPOLI

Belotti pericolo numero uno a Torino: media incredibile da avversario del Napoli
Domenica il pericolo principale del Napoli sarà rappresentato dalla presenza di Andrea Belotti. Il Gallo è molto ispirato, ha già segnato 5 reti in campionato, le stesse realizzate in 10 precedenti col Napoli. Media pericolosa per gli azzurri: 1 gol ogni 2 partite per Belotti, autore di una doppietta al San Paolo quando ancora vestiva la maglia del Palermo. Sarà lui il pericolo numero uno da arginare allo stadio Olimpico di Torino.
TUTTONAPOLI

Torino, Cairo: "Conosciamo la forza del Napoli, Mazzarri ci teneva ad esserci! Verdi? Non voglio che avverta pressioni"
Il presidente del Torino Urbano Cairo ha rilasciato un'intervista alla Gazzetta dello Sport alla vigilia della delicata sfida interna contro il Napoli
Urbano Cairo, presidente del Torino, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport.

C’è l’aspetto sportivo: Mazzarri sarà al suo posto.
«Certo, avere in panchina il nostro mister è una gran bella cosa. Mi fa piacere per lui, che vive la partita intensamente ed è per questo che a volte eccede per temperamento: ora sarà caricatissimo, immagino ci tenesse molto a non mancare col Napoli. E mi fa piacere per la squadra perché averlo a bordo campo è certamente un valore aggiunto: trasmette grinta e valori positivi».

Alla vigilia di una partita di cartello come questa cosa si dice a una squadra?
«Conosciamo la forza del Napoli, e quindi sul valore degli avversari c’è poco da dire».

Forse per Simone Verdi si tratta di una serata speciale visto che ha appena lasciato Napoli...
«È indubbiamente in fase di crescita. Si sta ambientando, ha cominciato ad avere più minuti a disposizione e ha già fatto vedere alcune delle sue qualità. Lascio tranquillo anche Verdi, non è il caso di definirlo il protagonista più atteso, non voglio che avverta pressioni».
CALCIONAPOLI24

INTERVISTE AZZURRE

6 OTTOBRE 2019

Meret: "Pareggio giusto, dovevamo creare di più"
"Il pareggio rispecchia quello che si è visto in campo". Alex Meret commenta così il match di Torino.

"Volevamo i 3 punti e quindi non siamo contenti del pareggio. Però forse c'era un po' di stanchezza dopo gli impegni di Champions".

La gran parata sul tiro di Ansaldi. "Più che bella è stata importante perchè è venuta alla fine del primo tempo. In assoluto il pareggio è giusto perchè abbiamo creato poco rispetto al solito".

"L'aspetto positivo è stato l'equilibrio in fase difensva. Siamo stati molto compatti e non era facile fermare le loro ripartenze"
SSCNAPOLI

Ancelotti: "Partita combattuta, siamo stati poco incisivi"
"E' stata una partita combattuta come spesso accade col Torino". Carlo Ancelotti commenta così il pareggio contro i granata.

"La prestazione è stata sufficiante, ci è mancato l'acuto e non siamo stati incisivi. Dovevamo essere più efficaci in fase offensiva"

"Sotto il profilo dell'impegno, però, la squadra ha fatto bene. Ma bisognava essere più spregiudicati e meno timidi nell'impostazione di gioco"

"Non ho visto cali di tensione, piuttosto non siamo riusciti ad essere costantemente pericolosi. Occasioni ne abbiamo avute per concretizzare meglio, ma non abbiamo accompagnato con efficacia la fase offensiva".

Su Lozano: "E' in un normale periodo di ambientamento. Oggi ha giocato più aperto, ha avuto buoni spunti e sta crescendo".

Preoccupato del distacco dalle prime?
"No, noi vogliamo lottare per lo scudetto e ce la metteremo tutta. Il risultato di stasera influisce poco. Credo che ci manchino i punti contro il Cagliari, ma la stagione è lunga"
SSCNAPOLI

5 OTTOBRE 2019

Insigne: "Napoli, un sogno indossare questa maglia". L'attaccante: "Ad ogni gol è un'emozione indescrivibile per me che sono napoletano"
NAPOLI - "Giocare con questa maglia è molto importante, da napoletano. Sono orgoglioso e contento, essendo il primo tifoso". Lorenzo Insigne parla così al canale ufficiale della Serie A in merito alla propria militanza con la maglia del Napoli: "Ho sempre sognato di indossare questa maglia e di farlo con la fascia di capitano. Come ho sognato di giocare nel nostro stadio, segnare e sentire la tifoseria urlare il mio nome. Ogni gol è un'emozione indescrivibile: fai contenta tanta gente, voglio continuare così. I tifosi ci hanno sempre sostenuti, li ringrazieremo sempre. E' fantastico avere un pubblico come questo, la domenica ti dà quell'adrenalina in più, ti trascinano alla vittoria. Spero che ci siano sempre vicini, sono molto importanti. Noi abbiamo lo stesso allenatore dell'anno passato, le altre hanno cambiato allenatore, anche lui è stato calciatore e in campo questo ci aiuta tanto, ha molte doti, lo seguiamo al 100%. Quest'anno partiamo da una base più solida per raggiungere obiettivi importanti. La maggior parte di noi sta insieme da 6-7 anni e questo per noi sarà favorevole. Il campionato sarà bello e diverso, sono tornati allenatori bravi che permetteranno alla Serie A di crescere. Ci sarà più di una squadra che lotterà perlo scudetto".
CDS

4 OTTOBRE 2019

Malcuit: “Abbiamo bisogno di Insigne. Hysaj e Di Lorenzo? Decide mister”
Kevin Malcuit ha parlato ai microfoni di Sky Sport: “Ottimo rapporto con Ancelotti, Di Lorenzo e Hysaj. Decide il mister. La partita col Torino sarà difficile, Inter-Juve non m’interessa. Insigne? È il nostro capitano, abbiamo bisogno di lui. Mertens? Gli auguro di superare Maradona”
PIANETANAPOLI

Gaetano: "Con Ancelotti sono cresciuto tanto, Insigne è il mio punto di riferimento"
"Con Ancelotti sono cresciuto tanto, è il miglior allenatore che possa avere un giovane come me". Gianluca Gaetano parla ai microfoni di Radio Kiss Kiss ed esprime le sue sensazioni sul suo inizio di stagione.

Si parte dalla Youth League:
"E' un'avventura bellissima che ti porta grandi emozioni ed è importantissima per acquisire esperienza"

Tornando al Napoli, che momento sta vivendo la squadra?
"Noi siamo solo poco fortunati sotto porta. A Genk abbiamo colpito 3 volte il palo ed abbiamo avuto tante occasione. E' un momento che non gira bene, ma la squadra è viva e mostrerà il proprio valore".

"Adesso dobbiamo concentrarci solo sulla gara di domenica a Torino. Ci aspetta un campo difficile contro un avversario che ha fame di punti. Stiamo lavorando benissimo per ottenere il massimo e riprendere la nostra strada".

Tra Baronio in Primavera e Ancelotti con la prima squadra sei nelle mani di due grandi protagonisti del calcio italiano:
"Mister Baronio mi ha dato un ruolo diverso e lo ringrazio perchè io giocavo attaccante mentre lui mi ha indicato come trovare meglio le mie caratteristiche maggiormente da centrocampista".

"Ancelotti è il meglio che un giovane possa desiderare come allenatore. Ha esperienz, grande visione di calcio e riesce a comprendere benissimo le qualità. Sono felicissimo di lavorare con lui e sono certo che crescerò moltissimo sotto la sua guida".

Chi è il calciatore al quale ti ispiri?
"Il mio punto di riferimento è Lorenzo. Oltre a essere un grande talento, Insigne è un modello da seguire per professionalità e impegno. Io quando posso lo osservo e cerco di carpire il meglio sia da lui che dai campioni che abbiamo in rosa".

Qual è il tuo ruolo preferito?
"Il centrocampista offensivo. Mi piace tanto Pogba, è il mio idolo e spero un giorno di affrontarlo"

Gaetano: "Con Ancelotti sono cresciuto tanto, Insigne è il mio punto di riferimento"
SSCNAPOLI

2 OTTOBRE 2019

Ancelotti: "Potevamo fare di più, ma la prestazione è positiva"
"Potevamo fare di più e meritavamo il gol". Carlo Ancelotti analizza in maniera equilibrata la gara contro il Genk.

"La prestazione è positiva, abbiamo creato tanto ed abbiamo comandato il gioco. Forse bisognava essere più lucidi sotto porta ma abbiamo colpito anche 3 pali".

"Ci sta il rimpianto di non aver vinto, ma dobbiamo guardare avanti. Un punto in trasferta è utile e ce lo teniamo stretto"

"Siamo in corsa per la qualificazione, abbiamo battuto il Liverpool, e guardiamo al futuro con ottimismo".

Può questo pareggio creare ostacoli per il passaggio del turno?

"Non credo proprio, noi siamo padroni del nostro cammino. Un punto fuori casa in Champions conta. Eventuali complicazioni non arrivano certo da questa gara, semmai da ciò che faremo da qui in avanti".

"La Champions non è semplice, pertanto anche un punto può fare la differenza alla fine. Abbiamo altre 4 gare da giocare e possiamo fare bene. Non cala certo la convinzione di proseguire la strada in Europa".

Sulla coppia di attacco Milik-Lozano: "Sono soddisfatto di entrambi, hanno dato profondità al gioco. Ma ripero, la prestazione globale mi è piaciuta".

Insigne in tribuna: "Una normale scelta tattica. Non l'ho visto brillante in allenamento e ho preferito riservarlo per domenica".
SSCNAPOLI

Koulibaly: "Ci è mancato il gol, ma è importante anche il pareggio"
"Un pareggio non è negativo, anche se ci è mancato il gol". Queste le parole di Kalidou Koulibaly al termine della sfida in Belgio.

"L'aspetto positivo è aver sofferto poco ed aver trovato solidità. Nelle gare di Champions ci può stare anche perdere su certi campi, anche dopo aver dominato".

"Della prestazione possiamo essere soddisfatti, meno della determinazione sotto porta. Avremmo dovuto concretizzare le palle gol, ma non siamo stati neppure troppo fortunati"

"Spiace per non aver vinto, ma siamo ottimisti per il futuro. Possiamo passare il turno perchè abbiamo qualità per farlo"
SSCNAPOLI

Mertens: "Occasione sprecata, ma siamo in piena corsa per la qualificazione"
"Stasera abbiamo sprecato una occasione". Dries Mertens non nasconde la propria delusione dopo il match contro il Genk.

"Dopo aver giocato una partita così, non possiamo nascondere la delusione di non aver sfruttato le occasioni da gol".

"Potevamo allungare nettamente in classifica e stare più sereni. Sicuramente se avessimo sbloccato la gara come meritavamo, sarebbe stata un'altra storia. Ma anche la sfortuna ci si è messa"

"Adesso dobbiamo guardare avanti, perchè siamo in piena corsa per la qualificazione. Dobbiamo battere il Salisburgo...."
SSCNAPOLI

Meret: "Siamo delusi, ma anche consapevoli di aver fatto il massimo come prestazione"
"Siamo delusi, però colpire tre pali è davvero sfortuna". Alex Meret è sulla lunghezza d'onda dei suoi compagni dopo la sfida di Genk.

"Come prestazione possiamo essere soddisfatti, perchè il genk è una squadra organizzata e noi abbiamo comandato il gioco creando tanto".

"Resta il rammarico di non aver concretizzato e vinto questa gara. In ogni caso il pareggio è positivo ed avere 4 punti in questo momento è importante per la classifica".

"Non bisogna far drammi e dobbiamo già pensare alla prossima partita. Abbiamo un gruppo forte e siamo fiduciosi".
SSCNAPOLI

Di Lorenzo: "Due punti persi, però guardiamo avanti. Qualificazione apertissima"
"Abbiamo perso due punti". Giovanni Di Lorenzo commenta così lo 0-0 contro il Genk.

"Meritavamo di vincere ampiamente per occasioni create. C'è delusione per un successo che avremmo dovuto conquistare".

"Di positivo c'è che certe gare così stregate si possono anche perdere alla fine. Il pareggio ce lo teniamo perchè un punto può essere determinante in chiave qualificazione".

"Anche se c'è delusione ora, questa prestazione ci deve dare fiducia e convinzione di poter passare il turno e proseguire il cammino in Champions"
SSCNAPOLI

CALCIOMERCATO NAPOLI

5 OTTOBRE 2019

Mercato, i tre calciatori che hanno detto di no al Napoli: che rimpianti per De Laurentiis!
Aurelio De Laurentiis, nel corso della sua esperienza alla guida del Napoli, ha provato a ingaggiare diversi calciatori senza riuscirci.
Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, nel corso della sua gestione ha portato in Campania top player oppure calciatori che, con il tempo, sarebbero diventati dei campioni. I nomi sono tanti, il riferimento va subito ai vari: Higuain, Cavani, Lavezzi, Hamsik, Fabian Ruiz, ecc ecc.. L'elenco sarebbe estremamente lungo e rischieremmo comunque di dimenticare qualcuno. La gestione societaria dell'imprenditore cinematografico è stata oculata, ma non ha tralasciato l'aspetto tecnico. Il Napoli ha sempre avuto dei grandi calciatori.

Aurelio De Laurentiis ha però più di qualche rimpianto. Si pensi a Radja Nainggolan. Il patron degli azzurri ha più volte tentato di portare il centrocampista del Cagliari in Campania, ma senza mai riuscirci. Dall'entourage del calciatore non sono mai arrivati segnali di apertura pnei confronti dei partenopei. E come non pensare a Mauro Icardi. De Laurentiis provò ad ingaggiarlo in ben tre occasioni. La prima quando l'argentino era alla Sampdoria. Il tentativo successivo fu quando la società azzurra aveva la necessità di sostituire Higuain, approdato poi alla Juventus. L'ultimo tentativo solo pochi mesi fa, nulla da fare. Icardi non è mai stato attratto troppo dal Napoli. Nicolò Barella ha detto no al Napoli a gennaio. E non solo perché non voleva lasciare Cagliari. Sognava di vestire la maglia dell'Inter e ci è finalmente riuscito...
AREANAPOLI

4 OTTOBRE 2019

Son, l'agente: "Trasferimento al Napoli? Perchè no! Farebbe piacere a tutti, in passato ho avuto dei contatti"
L'agente di Son del Tottenham parla di un suo possibile trasferimento al calcio Napoli. In passato contatti con la società e la vecchia dirigenza
Calciomercato Napoli - A Radio Marte nella trasmissione “Si gonfia la rete” è intervenuto Thies Bliemeister, agente di Hwang Hee-chan del Salisburgo e di Heung-min Son del Tottenham: "Il Salisburgo è fatto di calciatori giovani e affamati. La squadra austriaca vuole sempre spingere sull'acceleratore e anche l'allenatore è molto interessante per cui sarà complicato per il Napoli affrontarla, soprattutto a Salisburgo dove la squadra si trasforma.

Non sono sorpreso dal valore di Son e di Hee-chan anche perchè anche altri talenti sono esplosi da quelle parti come come Park Ji-Sung per i coreani e Shingji Kagawa per i giapponesi. Nessuna sorpresa dunque, anzi ci sono tanti giocatori bravi da quelle parti.

Ho grande rispetto per Ancelotti e per uno come lui nessun obiettivo è vietato. Non è stato trattato col dovuto rispetto al Bayern, sa come si vince la Champions e quest'anno a Napoli può contare su giocatori importanti come Koulibaly, Milik e Younes. Mi farebbe piacere se il Napoli vincesse la Champions e magari chissà si potrà andare avanti insieme in questa avventura in Champions col Napoli primo nel girone e il Salisburgo secondo.

Non ho mai portato un giocatore a Napoli, ma mi piacerebbe anche perchè in azzurro ha giocato Maradona, il mio preferito. Ho avuto contatti col Napoli in passato, con dirigenti che non ci sono neanche più in società, ne approfitterò in questa doppia sfida col Salisburgo per parlare col club azzurro.

Son al Napoli? Perchè no. Nel calcio mai dire mai. A Son piace l'Italia, il cibo e la gente italiana, non è facile muoverlo dal Tottenham perché costa tanto, ma un giorno, chissà...".
CALCIONAPOLI24

Dalla Spagna: "Real Madrid, nuova offerta per Koulibaly". ADL dice no: proposta ridicola!
Il presidente del Real Madrid, Florentino Perez, vorrebbe rinforzare il reparto difensivo, nella zona centrale, in vista della prossima stagione.
Nuovi rumors di mercato arrivano direttamente dalla Spagna. Stando, infatti, a quanto riferisce Diario Gol, il presidente del Real Madrid, Florentino Perez, vorrebbe rinforzare il reparto difensivo, nella zona centrale, in vista della prossima stagione e avrebbe individuato in Kalidou Koulibaly l'uomo giusto. Il 28enne roccioso centrale del Senegal è un punto fermo della squadra di Carlo Ancelotti e viene valutato non meno di 130 milioni di euro dalla società partenopea.

Una cifra ritenuta eccessiva da Perez che però, secondo il media spagnolo, avrebbe in mente un'offerta per De Laurentiis: il cartellino di James Rodriguez più 40 milioni di euro. A queste cifre, però, appare impossibile imbastire una trattativa per l'ex Genk, vista la rigidità del presidente dei campani, restio a cedere il proprio calciatore a cifre inferiori rispetto a quelle richieste. Tale offerta per il gioctore del Napoli appare ai limiti del ridicolo.
AREANAPOLI

Radio KissKiss Napoli
Il Napoli in Diretta Streaming
Radio Marte

AVVISO AI NAVIGANTI
TUTTI POSSONO COPIARE, PRELEVARE NOTIZIE, IMMAGINI E VIDEO
SUL SITO WEB MA DEVONO "SEMPRE" CITARNE LA FONTE:  

WWW.SOLOLASERIEA.IT

E' SEVERAMENTE VIETATO PRELEVARE FOTO, NOTIZIE E VIDEO ALL' INTERNO
DELLE AREE RISERVATE SENZA ESPLICITO CONSENSO DEL WEBMASTER


Le foto e gli articoli presenti sul sito sono stati in parte presi da Internet, e quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al webmaster, che provvederà prontamente alla rimozione.

IL WEBMASTER
GIANFRANCO BRUNO


PER CONTATTARE IL WEBMASTER CLICCATE QUI

SITO REALIZZATO DA INFORMATICA NUSCANA
www.informaticanuscana.it

Sito realizzato da Informatica Nuscana
Logo Sololaseriea.it
Torna ai contenuti